Solitamente, siamo abituati ad applicare all’interno delle nostre aziende un approccio Top-Down (dall’alto verso il basso). All’interno del quale i processi e i sistemi aziendali sono definiti dai livelli di gestione superiore e poi, successivamente delegati gradualmente in tutta l’azienda.

Oggi, però, vi svelerò un altro tipo di approccio in grado di diversificare il processo decisionale all’interno di un ambiente inclusivo:

L’APPROCCIO BOTTOM-UP (misurazione dal basso verso l’alto)

Questo metodo conduce l’intera azienda a partecipare alla definizione degli obiettivi e ad ottenere dei feedback dai propri collaboratori, riguardo le modalità di valutazione della Leadership aziendale.

Si tratta, infatti, di un metodo di gestione collaborativo.

Saranno i collaboratori, quindi, a valutare la Leadership dei propri responsabili/superiori, e ciò verrà effettuata a ogni livello aziendale per ottenere una percezione basata sulla relazione diretta.

Inoltre, verranno valutate anche diverse competenze manageriali e organizzative, tra cui:

  • La capacità di cambiamento e d’innovazione;
  • La flessibilità;
  • La collaborazione;
  • Il potere decisionale;
  • Il grado di valorizzazione delle risorse umane;
  • L’orientamento al risultato;
  • L’interazione con i clienti;

 

Quale metodo verrà utilizzato per questo tipo di valutazione?

L’approccio Bottom-up verrà effettuato Trimestralmente, attraverso la somministrazione di un questionario anonimo, a risposta aperta o multipla. I collaboratori potranno esprimere un giudizio o una valutazione, basata sui punteggi relativi al comportamento dei propri responsabili/superiori. Inoltre, il questionario verrà effettuato in forma anonima, proprio, per garantire la completa libertà di espressione ai collaboratori, evitando possibili condizionamenti.

Attraverso gli indici che emergeranno, si potranno iniziare ad identificare le aree di miglioramento su cui andare ad intervenire.

Di seguito, viene mostrato un esempio delle aree di miglioramento di un’azienda, su cui si è andato a lavorare per migliorare le competenze di Leadership. 

 

  • Gli obiettivi da raggiungere che si pongono tramite questo metodo sono:
  • Miglioramento delle performance aziendali, attraverso un maggiore coinvolgimento dei collaboratori e dei Responsabili dell’area nel processo valutativo;
  • Maggiore grado di coinvolgimento del personale subordinato in relazione all’aspetto organizzativo;
  • Maggiore livello di responsabilizzazione del personale dirigenziale;
  • Raggiungere risultati importanti, cambiando lo stile di management e dando più libertà ai team;
  • Miglioramento della leadership organizzativa e di conseguenza della performance del singolo responsabile/superiore, che sapendo di essere sottoposto ad un controllo dei risultati raggiunti sarà indotto ad operare con responsabilità.
  • Definizione degli incentivi economici e in caso di valutazione negativa si andrà a lavorare attraverso degli interventi correttivi.

 

Valore alla base

Coloro che traggono maggior vantaggio da questo tipo di approccio sono i dipendenti, che saranno più motivati, collaborativi e produttivi. In quanto:

  • si sentiranno parte attiva del processo;
  • saranno più propensi a rispettare gli obiettivi e le scadenze prestabilite, poiché hanno preso parte durante la fase di pianificazione;
  • miglioreranno i processi aziendali, perché capiranno più facilmente i desideri e le necessità del mercato, vivendo da più vicino il prodotto/servizio e il cliente;

 

L’idea della comunicazione bottom-up è quella di fare in modo che la base, più concreta e vicina ai problemi quotidiani, faccia risalire le questioni fino alla Direzione, in modo specifico, tramite i propri responsabili che dovrebbero agire da nodi di scambio.

 

Pino Marangi 


0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.