COSA FARE SE LA TUA SQUADRA NON LAVORA INSIEME

Pubblicato da Pino Marangi il

Stavo parlando con il Titolare di un’azienda di medie dimensioni. Era frustrato dai suoi dipendenti e dal motivo per cui continuavano ad avere sempre gli stessi problemi.

Nello specifico, non collaborano tra loro, non rispettano le scadenze nel loro lavoro e non si assumono i rischi per risolvere i problemi. In breve, la sua squadra non lavora insieme.

Le persone sono tutte brave persone. Hanno lavorato sodo, sono legate all’azienda e vogliono che la società abbia successo.

Dopo numerose riunioni non importa quanto il titolare abbia detto loro su come vuole che si lavori, nulla è cambiato.

Supponendo che tu abbia persone sane in grado di svolgere il loro lavoro, ci sono diverse cause a questo tipo di disfunzione … e la maggior parte di loro ha poco a che fare con i membri del team.

“Il problema non è il problema”

Per venire a capo di questa situazione potrebbe aiutarti a pensare a questa scarsa cooperazione come ad un sintomo.

Le lotte interne, le persone che non lavorano insieme … quelli non sono il problema. Sono le manifestazioni del problema – o problemi.

Ci sono diversi posti in cui puoi cercare le cause del perché il tuo team non lavora insieme, ma prima di esaminarli, ecco un atteggiamento che ti aiuterà con il tuo lavoro da detective:

Hai senso per te.

Quello che ha senso per te, potrebbe NON avere senso per i tuoi collaboratori. I membri del tuo team agiscono anche in modi che hanno senso per loro.

Per qualche ragione, non collaborare ha più senso del lavorare insieme. Il tuo compito è capire perché. Ecco alcuni motivi comuni:

Aspettative non chiare

Quando le persone non conoscono gli obiettivi, iniziano a perseguire i propri interessi, oppure potrebbero interpretare gli obiettivi in ​​modo diverso rispetto ad altri. Il tuo compito come leader è quello di garantire il 100% di chiarezza sugli obiettivi più importanti e su come ogni membro del team contribuisce a tale obiettivo.

Tutti hanno bisogno di chiarezza completa su dove stanno andando e su come arriveranno, quali sono le responsabilità del team e cosa fare per raggiungere gli obiettivi.

Paura

Quando le persone non lavorano insieme, sono spesso insicure e preoccupate per la propria sicurezza. È naturale che le persone inizino a cercare di non esporsi per evitare di prendere i caxxxxxiatoni. Spesso i leader basati sulla paura e reattivi hanno difficoltà a far lavorare le persone perché tutti sono troppo occupati a sopravvivere.

Clima emotivo

Se le persone non assumono rischi salutari e non lavorano insieme, presta attenzione al clima emotivo. Non importa se pensi che le persone dovrebbero fidarsi di te e degli altri. Ciò che importa è se si fidano o meno l’uno dell’altra.

Premi solo le persone

È molto comune che i leader chiedano alle squadre di collaborare, ma poi premiano le persone in base alle proprie prestazioni, piuttosto che all’obiettivo cooperativo.

Se una persona può avere successo quando l’obiettivo cooperativo fallisce, allora non hai possibilità di collaborare. Perché dovrebbero? Hai premiato il contrario di ciò che hai chiesto.

Mancanza di responsabilità / Tollerare comportamenti scorretti

Se chiedi alle persone di lavorare insieme e poi tolleri le persone odiose, conniventi, prepotenti, offensive … buona fortuna! Quando permetti una fondamentale mancanza di dignità o rispetto, non puoi aspettarti che le persone lavorino insieme. Le tue azioni dicono che apprezzi qualcosa di più della cooperazione. (E forse lo fai … non aspettarti che le persone lavorino insieme in quel tipo di ambiente.)

Aspettative non chiare, paura, ricompense individuali, contesto povero e mancanza di responsabilità sono solo alcuni dei motivi per cui le persone potrebbero non lavorare insieme.

Dove è possibile fornisci chiarezza, crea fiducia, ristruttura gli incentivi e pratica la responsabilità per rendere la cooperazione sensata per te e il tuo team.

Ora è il tuo turno.

Lasciaci un commento e condividi: come costruisci un ambiente che incoraggi una sana collaborazione?

Alla prossima

 

Scegli il social con cui condividerlo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *