Anche tu come tanti altri imprenditori noti un calo motivazionale nei tuoi dipendenti?

Ti trovi spesso di fronte a situazioni poco piacevoli, dove i tuoi dipendenti sono svogliati nello svolgere il loro ruolo? Sono poco interessati, poco attenti a ciò che stanno facendo perché pensano a prestare attenzione all’ orario, sempre di fretta, molto stressati a causa della mole di lavoro, e non sai come fare per aumentare la loro motivazione e renderli soddisfatti del loro lavoro? Hai bisogno di più produttività, di più profitto e di idee e strategie innovative?

Diversi studi e ricerche hanno, infatti, dimostrato che le strutture più produttive sono quelle, appunto, che hanno i dipendenti soddisfatti e un clima aziendale, interno, sereno e collaborativo, in grado di stimolare la nascita di idee originali e favorire la diffusione di un clima positivo. Infatti, nei luoghi di lavoro in cui predominano POSITIVITÀ e COLLABORAZIONE, le responsabilità assumono un aspetto diverso, in quanto il benessere stimola l’interesse, la concentrazione, il pensiero critico e la capacità di selezionare le informazioni importanti, rivelandosi, quindi, uno strumento prezioso per raggiungere obiettivi ambiziosi.

Benessere organizzativo

Questo clima è fondamentale per affrontare anche le sfide più complesse attraverso soluzioni strategiche. Ma, per fare in modo tale che ci sia un clima positivo e sereno, alla base c’è bisogno di un BENESSERE ORGANIZZATIVO:

(la capacità di un’azienda di promuovere il benessere fisico, psicologico e sociale di tutte le lavoratrici e di tutti i lavoratori che operano al suo interno), attraverso una serie di elementi come:

  • Motivazione,
  • Collaborazione,
  • Coinvolgimento,
  • Flessibilità,
  • Corretta circolazione delle informazioni
  • Fiducia nelle persone

Tutti questi elementi, come detto in precedenza, portano a migliorare la salute fisica e mentale dei propri dipendenti, ma anche a soddisfare sia degli utenti che le performance, e soprattutto ad aumentare la produttività e i profitti. Più la considerazione verso questi aspetti sarà positiva più i dipendenti si mostreranno collaborativi e matureranno un senso di appartenenza e condivisione dei valori aziendali, alimentando la soddisfazione per il proprio ruolo.

Welfare aziendale

Il datore di lavoro ha, quindi, il compito di mettere in atto tutte quelle politiche che consentono di creare, all’interno dei luoghi di lavoro, tutti i presupposti per ottenere il massimo di produttività in un contesto nel quale si ottimizzino i risultati, le pari opportunità e soprattutto il benessere dei lavoratori, attraverso il Welfare aziendale.

Oggi, viene considerato una soluzione WIN/WIN per aziende e lavoratori. Infatti, sempre più aziende sperimentano iniziative di welfare aziendale personalizzate e, una volta soddisfatte dei risultati, incrementano l’investimento in questo campo, aumentando di conseguenza il benessere dei loro dipendenti.

Come si svolgerà il Welfare Aziendale:

  1. Fase di analisi, volta studiare il personale e i benefici, attualmente forniti dall’azienda;
  2. Sondaggio tra i dipendenti, in modo da individuare i benefici più importanti per loro e per renderli maggiormente partecipi nel processo decisionale.
  3. CULTURA AZIENDALE, la quale determina le dinamiche interne, indirizza i comportamenti e le attività, supporta il raggiungimento degli obbiettivi, aiuta, anche, a identificare le linee guida per la pianificazione e l’attivazione di nuove strategie e coordina le relazioni interne ed esterne all’azienda.
In che modo verranno coinvolti e motivati maggiormente i collaboratori?

Semplice, focalizzandosi sulla definizione di una propria cultura, perché all’interno di essa, aziende e collaboratori, definiranno insieme, i valori, la storia e mission aziendale, inoltre verranno anche guidati al cambiamento e incoraggiati ad esprimere e condividere idee e progetti innovativi.

Purtroppo, però, esistono ancora realtà restie a sviluppare una politica aziendale, sulla base delle esigenze concrete delle singole persone, in quanto sono convinte che dedicare la maggior parte della giornata a lavorare costantemente sia la soluzione migliore per ottenere risultati.

Al contrario, quello che loro non sanno, è che contare sui propri collaboratori, motivarli, incentivarli e farli vivere in un clima aziendale positivo non solo fa produrre di più i propri collaboratori ma fa anche aumentare i propri profitti.

Manager della Felicità

Per questo, molte aziende si sono affidate a una nuova figura, MANAGER DELLA FELICITA’, il quale si occupa di creare e mantenere un clima stimolante in cui il benessere e la soddisfazione dei lavoratori fanno da protagonisti.

I vantaggi di cui si potrà disporre sono molteplici:

  • Maggior attenzione, dedizione e curiosità;
  • Incremento delle performance e dei risultati;
  • Raggiungimento di obiettivi ambiziosi;
  • Approccio proattivo a nuove sfide e progetti;
  • Aumento della produttività;
  • Maggiore equilibrio tra lavoro e vita privata;
  • Miglioramento del clima aziendale;
  • Benessere per tutta la famiglia.

È fondamentale, però, accogliere il cambiamento per gradi, lasciando che le nuove abitudini si insedino non solo superficialmente, ma totalmente, con un ripensamento dei modelli organizzativi. Perché ricorda che, i migliori risultati si ottengono quando vengono attivati programmi completi, mirati a riconoscere e a premiare l’impegno dei propri collaboratori, dedicando maggiore attenzione alla qualità della loro vita.

Se inizierai a utilizzare questa logica, inizierai a vedere come i tuoi collaboratori saranno più motivati e collaborativi nel perseguire i più importanti obbiettivi aziendali.

Accademia della Formazione ti dà l’opportunità di mettere in atto questa strategia attraverso il percorso “AZIENDA FELICE”.

Pino Marangi 

Categorie: CAMBIAMENTO

0 commenti

Lascia un commento

Segnaposto per l'avatar

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.